Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

tu sei qui: AttualitàTrichinella nel cinghiale: ecco come prevenirla

Ultimo aggiornamento 54 giorni fa sabato 31 ottobre 2020 11:36

english italiano

Trichinella nel cinghiale: ecco come prevenirla

Organizzata ad Ispani, Corbara ed Eboli una campagna informativa per tutelare la salute dei consumatori di carne di cinghiale

Scritto da (giovanna), sabato 27 settembre 2014 20:25:29

Ultimo aggiornamento sabato 27 settembre 2014 20:25:29

Si è concluso venerdì 26 settembre presso il Cremopar in località Bivio Cioffi di Eboli il ciclo di incontri informativi sulla trichinellosi del cinghiale promossi dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale, dall'Università degli Studi Federico II di Napoli, dal Comitato Tecnico Faunistico Venatorio della Provincia di Salerno presieduto dal dott. Gennaro Barra e dall'Asl in collaborazione con gli ATC, con il coordinatore del CAV nonché presidente di Federcaccia Salerno Luigi Spera e con le associazioni venatorie del territorio. All'evento hanno preso parte in rappresentanza dell'università partenopea il preside della Facoltà di Medicina e Veterinaria Luigi Zicarelli e i dottori Vincenzo Veneziano e Benedetto Neola. Una campagna informativa finalizzata a salvaguardare la sicurezza alimentare del consumatore di carne di cinghiale esposto al rischio trichinella che ha visto coinvolti il 22 e il 24 settembre rispettivamente anche i comuni di Ispani nel Cilento e Corbara nei Monti Lattari. Durante i tre appuntamenti sono stati illustrati dai professori del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell'Università Federico II di Napoli i rischi provocati da questo parassita nei cinghiali e le modalità di prelievo di campioni di trichinella su questi selvatici abbattuti. A questo proposito sono stati distribuiti i kit per i prelievi a tutti i cacciatori presenti. L'iniziativa è stata promossa in virtù del fatto che lo scorso anno si sono verificati vari casi di infestazione di trichinellosi nell'uomo in diverse regioni ma soprattutto in Toscana. La Trichinellosi è una malattia parassitaria sostenuta da un verme tondo del genere Trichinella in grado di infestare mammiferi, uccelli e rettili, soprattutto se animali carnivori o onnivori. La trichinella passa dall'animale all'uomo con l'ingestione di carne fresca di alcune specie, in particolare cinghiale, suino, cavallo, e il pericolo di contagio sussiste solo se la carne non è sottoposta a controllo sanitario. L'unico rischio quindi è rappresentato dal consumo di prodotti a base di carne cruda o poco cotta di cinghiale, quali ad esempio gli insaccati freschi e stagionati, che andrebbero consumati solo se provenienti da animali preventivamente controllati. Per scongiurare il rischio di trichinella la carne del cinghiale va cotta ad una temperatura di 70° C per almeno tre minuti mentre nel caso la si voglia congelare la temperatura ideale è di -30°C, pertanto i congelatori ad uso domestico non sono adatti a distruggere tale parassita perché le temperature non superano -18°C e -20°C. La sintomatologia legata alla trichinella non è specifica per cui spesso la diagnosi ritardata delle cause può arrecare notevoli danni nell'organismo umano.

Aggiungi ai preferiti Trasforma questa pagina in PDF Stampa questa pagina Segnala via e-mail
Condividi:
fb-like
g-plus

Questo articolo è stato letto 2421 volte.

Nuovo Commento

La redazione di Federcaccia Salerno non pubblicherà commenti contenenti espressioni irriguardose e volgari, assumendosi, altresì, la facoltà di intervenire, con modifiche o tagli, su singole parti dei commenti, qualora contengano accuse generiche e prive di contraddittorio, messaggi violenti o incitamenti alla violenza, insulti gratuiti, frasi blasfeme o di stampo razzistico. In nessun caso verrà pubblicato il tuo indirizzo email. Qualora tu non sia un utente registrato, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione prima di essere pubblicato. Se, invece, sei un utente registrato, il tuo commento sarà pubblicato immediatamente salvo successivi controlli.

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati nell'ambito della nostra banca dati elettronica e/o cartacea nel rispetto di quanto stabilito dalla norma citata. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato per fornirLe il servizio informativo richiesto. Il mancato conferimento dei dati obbligatori implica l'impossibilità di risponderLe in maniera esauriente e/o corretta. I suoi dati saranno trattati dai nostri addetti e saranno cancellati al termine della stagione relativa al suo interessamento a meno di modifiche nel rapporto tra le parti. In relazione al trattamento in parola potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 della legge citata; titolare del trattamento è:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.