Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

tu sei qui: AttualitàRADUNO BRACCHI A CANNALONGA

Ultimo aggiornamento 237 giorni fa sabato 15 agosto 2020 06:36

english italiano

La manifestazione nel cuore del Parco

RADUNO BRACCHI A CANNALONGA

La lettera del presidente SABI

Scritto da (federcaccia), lunedì 13 maggio 2013 14:29:25

Ultimo aggiornamento lunedì 13 maggio 2013 22:45:29

Dopo sei anni di raduni amatoriali con lo scopo di verificare la quantità e qualità dei bracchi in Campania, siamo stati ancora una volta a Cannalonga, paesino nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, a parlare di bracchi italiani. Un'esperienza che in tutta franchezza ci ha aiutato a conoscere meglio la nostra amata razza e fatto conoscere tanti amici braccofili non solo della Campania ma anche della Calabria, Puglia e Lazio. L'esperienza inizia nel 2008 con gli amici Barbieri, Capone, Fusetti allora rispettivamente Vicepresidente e consiglieri SABI, oggi dimissionari i primi due ma con l'augurio e l'auspicio che possano al più presto rientrare nella grande famiglia SABI e che la passione per il bracco "tricolore ", possa prevalere su tutto!

Anche quest'anno, dicevo, siamo stati a Cannalonga in località Pattano, nella meravigliosa azienda agro zootecnica le "Starze" dell'ing. Antonio Di Bartolomeo che ringrazio personalmente e a nome della SABI. Terreni collinari coltivati a grano e a foraggere, ideali per verificare le qualità della nostra razza, spazi ampi inframmezzati da naturali rivoli di acqua e siepi di macchia mediterranea, ottimi per una prova su starne. Quindici bracchi alla partenza che, uno dopo l'altro, hanno espresso fasi di trotto entusiasmanti, tirati da effluvi misti a odor di prato riscaldato dal sole. L'abbondanza di selvaggina ha permesso a tutti i cani di incontrare ma quattro di loro sono stati davvero degni di nota. I giudici Ferrara e D'Aniello così relazionano. Morgana di Salvione: una femmina di qualità parte spedita al galoppo, va in emanazione mettendosi al trotto, ferma una starna a circa trenta metri e poi rincorre. Mia di Mercuri: parte lenta, avverte e ferma bene un maschio di fagiano, poi sale in cattedra e con trotto spedito va a fermare una starna a bordo di una siepe che poi rincorre a fondo. Sara di Esposito: una cagnina tutto pepe, movimento elegante, cerca con ordine, ferma, guida e risolve da manuale ma anche lei rincorre. Zibibbo della Croccia (del sottoscritto): fasi di trotto tipico di razza, testa alta, naso al vento, rientri a galoppo avido e continuo, così inizia e così finisce il turno, avverte, fila e ferma in bella espressione. Alla fine della competizione non ci sono stati vincitori né vinti: tutti contenti intorno ad una tavola ricca di sapori cilentani tra cui un caciocavallo primo sale che il buon sig. Peppo produce in azienda con latte bovino e caglio di capretto, una delizia tutta da gustare! Per non parlare del buon vino beneventano dell'amico Salvione!

Quest'anno, dopo le varie esperienze maturate, ci portiamo a casa non solo il piacere di essere stati insieme a trascorrere una giornata all'insegna dell'amicizia tra persone che condividono la stessa passione, ma anche la convinzione che i nostri cani possono ben figurare non solo a caccia ma anche in prova.

Ringraziando quanti hanno voluto questo raduno, i proprietari dei terreni, l'ATC delle Aree Contigue, la Federcaccia di Salerno, i giudici e tutti gli amici braccofili, l'augurio per l'anno prossimo è che possiamo rivederci ancora a Cannalonga più numerosi e in una prova ufficiale insieme ai grandi dresseur e ai loro blasonati cani.

Mimmo Pizzolante

Delegato SABI per la Campania

Aggiungi ai preferiti Trasforma questa pagina in PDF Stampa questa pagina Segnala via e-mail
Condividi:
fb-like
g-plus

Questo articolo è stato letto 1968 volte.

Nuovo Commento

La redazione di Federcaccia Salerno non pubblicherà commenti contenenti espressioni irriguardose e volgari, assumendosi, altresì, la facoltà di intervenire, con modifiche o tagli, su singole parti dei commenti, qualora contengano accuse generiche e prive di contraddittorio, messaggi violenti o incitamenti alla violenza, insulti gratuiti, frasi blasfeme o di stampo razzistico. In nessun caso verrà pubblicato il tuo indirizzo email. Qualora tu non sia un utente registrato, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione prima di essere pubblicato. Se, invece, sei un utente registrato, il tuo commento sarà pubblicato immediatamente salvo successivi controlli.

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati nell'ambito della nostra banca dati elettronica e/o cartacea nel rispetto di quanto stabilito dalla norma citata. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato per fornirLe il servizio informativo richiesto. Il mancato conferimento dei dati obbligatori implica l'impossibilità di risponderLe in maniera esauriente e/o corretta. I suoi dati saranno trattati dai nostri addetti e saranno cancellati al termine della stagione relativa al suo interessamento a meno di modifiche nel rapporto tra le parti. In relazione al trattamento in parola potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 della legge citata; titolare del trattamento è:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.