Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

tu sei qui: AttualitàRadioattività sotto esame anche i cinghiali del Cilento

Ultimo aggiornamento 228 giorni fa mercoledì 5 agosto 2020 20:49

english italiano

Disposta dagli Ambiti Territoriali di Caccia

Radioattività, sotto esame anche i cinghiali del Cilento

Si occuperà dello studio la Federico II di Napoli

Scritto da (federcaccia), lunedì 25 marzo 2013 18:06:38

Ultimo aggiornamento lunedì 25 marzo 2013 18:06:38

E' stata disposta dagli Ambiti Territoriali di Caccia (ATC) della Provincia di Salerno una indagine a campione sui cinghiali salernitani per scoprire se sono anch'essi radioattivi. Ad occuparsi dello studio sarà l'Università Federico II di Napoli. Ad effettuare questa ricerca sulla popolazione di cinghiale del salernitano saranno il professore Domenico Fulgione del dipartimento di Biologia ed il professore Vincenzo Roca di Fisica. Si punta così a capire se sul territorio salernitano sono presenti sostanze che possono minacciare la salute. L'indagine è estesa alle specie che vivono nel Parco Nazionale del Cilento, nel Vallo di Diano e negli Alburni. Questo studio rappresenta un'occasione importante per accrescere le conoscenze sulle risorse faunistiche del territorio. E, in futuro, l'indagine potrà essere estesa anche ad altre specie. Nelle settimane scorse c'era già stato un allarme radiazioni in Piemonte e in Friuli: le radiazioni che in Piemonte avevano sicuramente causato la morte di 27 cinghiali mentre un allarme analogo era scattato in Friuli dopo che erano stati trovati su un altipiano 11 cinghiali morti misteriosamente. I livelli di radiazione trovati nei cinghiali morti in Piemonte sono molto elevati, il che lascerebbe escludere che le radiazioni siano legate ad una ricaduta di cesio 137 della centrale di Cernobyl per l'incidente di 26 anni fa.

Aggiungi ai preferiti Trasforma questa pagina in PDF Stampa questa pagina Segnala via e-mail
Condividi:
fb-like
g-plus

Questo articolo è stato letto 1951 volte.

Nuovo Commento

La redazione di Federcaccia Salerno non pubblicherà commenti contenenti espressioni irriguardose e volgari, assumendosi, altresì, la facoltà di intervenire, con modifiche o tagli, su singole parti dei commenti, qualora contengano accuse generiche e prive di contraddittorio, messaggi violenti o incitamenti alla violenza, insulti gratuiti, frasi blasfeme o di stampo razzistico. In nessun caso verrà pubblicato il tuo indirizzo email. Qualora tu non sia un utente registrato, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione prima di essere pubblicato. Se, invece, sei un utente registrato, il tuo commento sarà pubblicato immediatamente salvo successivi controlli.

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati nell'ambito della nostra banca dati elettronica e/o cartacea nel rispetto di quanto stabilito dalla norma citata. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato per fornirLe il servizio informativo richiesto. Il mancato conferimento dei dati obbligatori implica l'impossibilità di risponderLe in maniera esauriente e/o corretta. I suoi dati saranno trattati dai nostri addetti e saranno cancellati al termine della stagione relativa al suo interessamento a meno di modifiche nel rapporto tra le parti. In relazione al trattamento in parola potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 della legge citata; titolare del trattamento è:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.