Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

tu sei qui: AttualitàProposta della Regione Campania: caccia d'appostamento alla quaglia!

Ultimo aggiornamento 53 giorni fa venerdì 30 ottobre 2020 03:15

english italiano

Lettera del presidente Spera

Proposta della Regione Campania: caccia d'appostamento alla quaglia!

Tutti i documenti in allegato

Scritto da (federcaccia), venerdì 26 luglio 2013 16:24:45

Ultimo aggiornamento venerdì 26 luglio 2013 16:24:45


1a proposta.pdf

Osservazioni.pdf

proposta definitiva.pdf

Finalmente siamo stati informati delle volontà dell'ufficio regionale preposto alle decisioni sul calendario venatorio 2013/14. Ebbene si, in Campania, pare che decida qualche dirigente o funzionario della struttura regionale e non, come in tutto il resto d'Italia, la concertazione tra le forze politiche e i rappresentanti delle categorie portatrici di interessi. La storia è breve, dopo molti incontri del CTFV regionale sul tema del calendario venatorio per la prossima annata, si addiveniva ad una bozza concordata (non molto dissimile da quella dello scorso anno, solo con poche modifiche compreso i turdidi e molte specie acquatiche a fine gennaio) da trasmettere all'ISPRA per il parere obbligatorio. In aggiunta a ciò pervenivano anche delle proposte di qualche Consigliere regionale che rafforzavano le tesi scelte in Comitato. Ed ecco la magia . . . come d'incanto all'ISPRA giungeva una proposta totalmente diversa: chi si è preso la responsabilità di modificare sostanzialmente il documento? Questo non è dato saperlo, però negli atti trasmessi alle Associazioni venatorie, in data 16 luglio, per una valutazione di massima, la struttura affermava: "Si precisa che la proposta è già stata modificata a seguito del parere ISPRA." Ebbene in quei tredici fogli dattiloscritti si erano concentrate tutta una serie di restrizioni, divieti e quant'altro potesse scoraggiare un cacciatore ad affrontare la prossima annata venatoria. Senza soffermarsi su varie limitazioni per fagiano, starna e coniglio selvatico (cacciabili esclusivamente sulla base di piani di prelievo degli ATC), esclusione del codone e del porciglione dalle specie cacciabili, riduzione dei tempi per molte specie (alzavola, canapiglia, folaga, germano reale e pavoncella) ci preme far notare che:

- L'esclusione della quaglia dalla preapertura;

- In tutte le Aree Natura 2000 (SIC, pSIC e ZPS) sono stati ridotti i tempi di prelievo (es. beccaccia al 31/12, tordo bottaccio 9/1, etc.);

- In tutte le Aree Natura 2000 (SIC, pSIC e ZPS) è stato diminuito il carniere giornaliero;

- E' stato inserito per tutte le specie un carniere stagionale che in alcuni casi è ridicolo: es. turdidi (bottaccio, sassello e cesena) carniere giornaliero 20 capi e annuale 25;

- Specie cacciabili dalla terza domenica di settembre 2013 al 30 novembre 2013: quaglia (Coturnix coturnix), fino al 30 settembre esclusivamente da appostamento;

Conoscendo l'attenzione maniacale che, ogni anno, gli uffici regionali preposti alla caccia dedicano alle restrizioni ed ai divieti all'attività venatoria, non riusciamo a considerare "un refuso" la limitazione (la caccia d'appostamento alla quaglia, per lo più ripetuta varie volte all'interno della proposta di calendario) così evidentemente sbagliata da farci quasi ricredere sulla competenza di chi, in Regione, decide in materia di Caccia.

Ma ora viene il bello! Nella seguente riunione del 19 luglio, alle veementi proteste dei rappresentanti delle AAVV regionali e alle loro proposte di modifica, la struttura regionale affermava di apportare alcune correzioni.

Lunedì 22 luglio l'attesa bozza è stata inviata all'ISPRA: quali le variazioni?

- 2 gg di preapertura alla quaglia (11 e 12 settembre);

- Eliminata la caccia da appostamento per la quaglia;

- Reinserimento del codone e del porciglione nelle specie cacciabili;

- Tordo sassello al 30 gennaio;

- Per quanto riguarda il carniere, invece di aumentare lo stagionale, è stato diminuito (a 15 capi) quello giornaliero.

Crediamo che questo chiarisca bene quali sono le reali possibilità che abbiamo, in Campania, di intervento e collaborazione con gli uffici preposti alla gestione e programmazione dell'attività venatoria.

Per maggior chiarezza alleghiamo la prima bozza del calendario con evidenziate le parti critiche, la seconda con le modifiche apportate(?) e il documento di richieste ed osservazioni fatte da Federcaccia Campania nella riunione del 19 luglio.

P.S.: Qualcuno, poi, ci potrebbe chiarire come è possibile avere un carniere stagionale di 35 capi di cinghiale avendo a disposizione solo 26 giornate di caccia (dal 2 ottobre al 29 dicembre ci sono 13 giovedì e 13 domeniche) con la possibilità di abbattere un solo capo giornaliero?

FEDERCACCIA PROVINCIALE DI SALERNO

IL PRESIDENTE

Luigi Spera

Aggiungi ai preferiti Trasforma questa pagina in PDF Stampa questa pagina Segnala via e-mail
Condividi:
fb-like
g-plus

Questo articolo è stato letto 2326 volte.

Nuovo Commento

La redazione di Federcaccia Salerno non pubblicherà commenti contenenti espressioni irriguardose e volgari, assumendosi, altresì, la facoltà di intervenire, con modifiche o tagli, su singole parti dei commenti, qualora contengano accuse generiche e prive di contraddittorio, messaggi violenti o incitamenti alla violenza, insulti gratuiti, frasi blasfeme o di stampo razzistico. In nessun caso verrà pubblicato il tuo indirizzo email. Qualora tu non sia un utente registrato, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione prima di essere pubblicato. Se, invece, sei un utente registrato, il tuo commento sarà pubblicato immediatamente salvo successivi controlli.

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati nell'ambito della nostra banca dati elettronica e/o cartacea nel rispetto di quanto stabilito dalla norma citata. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato per fornirLe il servizio informativo richiesto. Il mancato conferimento dei dati obbligatori implica l'impossibilità di risponderLe in maniera esauriente e/o corretta. I suoi dati saranno trattati dai nostri addetti e saranno cancellati al termine della stagione relativa al suo interessamento a meno di modifiche nel rapporto tra le parti. In relazione al trattamento in parola potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 della legge citata; titolare del trattamento è:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.