Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

tu sei qui: AttualitàLA CACCIA E' A RISCHIO IN CAMPANIA

Ultimo aggiornamento 237 giorni fa sabato 15 agosto 2020 06:23

english italiano

Intervista su LA CITTA'

LA CACCIA E' A RISCHIO IN CAMPANIA

I dubbi del Presidente provinciale Spera sulla situazione dell'attivtà venatoria nella nostra Regione

Scritto da (federcaccia), mercoledì 4 luglio 2012 08:42:51

Ultimo aggiornamento mercoledì 4 luglio 2012 08:51:17

Stagione della caccia a rischio. E' l'allarme del presidente di Federcaccia Salerno, Luigi Spera, preoccupato dalle decisioni che la Regione Campania sta assumendo in materia venatoria.
Presidente Spera, quali i timori?
L'art. 34 della Finanziaria 2012 e il proposto Nuovo Regolamento degli ATC, passando per la farsa di una nuova legge che di nuovo non si sa bene che abbia, mettono a rischio la prossima stagione venatoria. Parliamo di leggi che, oltre ad essere in alcune parti illegittime, sono fortemente penalizzanti per tutti i cacciatori migratoristi campani. I danni sono incalcolabili, sia in termini venatori che in quelli associativi.
I cacciatori, insomma, continuano ad esser visti come "nemici"?
La Regione Campania continua a non rendersi conto che i cacciatori sono onesti cittadini e come tali vanno rispettati, senza prevaricazioni ed abusi. E' volontà, del Direttivo salernitano della Federcaccia, di dare un segnale deciso ed energico della presenza, a Salerno, di un gruppo compatto non disposto a subire imposizioni ed invadenze ma soprattutto attento al futuro della caccia in Campania. La confusione è totale. Nuove regole non applicabili per la mancanza di regolamenti specifici e atti amministrativi poco chiari finiscono col creare solo caos e disordine. Non credo si possa più accettare che anche quest'anno si sia arrivati a due mesi dall'apertura ed ancora non si conoscono le "regole del gioco" che da settembre impegnerà 45.000 campani che vorrebbero dar corso alla loro passione: la caccia.
Quali i problemi più rilevanti?
Oltre al solito cronico ritardo nell'emanazione del Calendario venatorio, quest'anno, sono intervenute novità legislative che stravolgono non solo tecnicamente l'attività venatoria ma anche la gestione del territorio. Addirittura la Regione pensa di poter imporre ai cacciatori la prenotazione della giornata venatoria via mail o tramite messaggio dal telefonino. E' impensabile, e non si pretende, di andare a caccia come facevano i nostri nonni che al mattino decidevano senza nessuna restrizione o programmazione, ma è altrettanto impensabile pensare di doversi portare dietro un borsone per i documenti necessari all'espletamento delle formalità burocratiche, oltre ad un ragioniere per compilarli e di un geometra per evitare di sconfinare in località protette o solamente a regolamentazione diversa.
C'è il rischio che la stagione non parta?
Sicuramente. I cacciatori sono stanchi, sia delle lungaggini burocratiche che degli aumenti continui delle tasse. Avanti così, la caccia, in Campania, rischia di scomparire.

Aggiungi ai preferiti Trasforma questa pagina in PDF Stampa questa pagina Segnala via e-mail
Condividi:
fb-like
g-plus

Questo articolo è stato letto 1837 volte.

Nuovo Commento

La redazione di Federcaccia Salerno non pubblicherà commenti contenenti espressioni irriguardose e volgari, assumendosi, altresì, la facoltà di intervenire, con modifiche o tagli, su singole parti dei commenti, qualora contengano accuse generiche e prive di contraddittorio, messaggi violenti o incitamenti alla violenza, insulti gratuiti, frasi blasfeme o di stampo razzistico. In nessun caso verrà pubblicato il tuo indirizzo email. Qualora tu non sia un utente registrato, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione prima di essere pubblicato. Se, invece, sei un utente registrato, il tuo commento sarà pubblicato immediatamente salvo successivi controlli.

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati nell'ambito della nostra banca dati elettronica e/o cartacea nel rispetto di quanto stabilito dalla norma citata. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato per fornirLe il servizio informativo richiesto. Il mancato conferimento dei dati obbligatori implica l'impossibilità di risponderLe in maniera esauriente e/o corretta. I suoi dati saranno trattati dai nostri addetti e saranno cancellati al termine della stagione relativa al suo interessamento a meno di modifiche nel rapporto tra le parti. In relazione al trattamento in parola potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 della legge citata; titolare del trattamento è:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.