Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

tu sei qui: AttualitàFEDERCACCIA: SULLE DEROGHE UNA POSIZIONE CHIARA

Ultimo aggiornamento 229 giorni fa giovedì 6 agosto 2020 20:36

english italiano

FEDERCACCIA: SULLE DEROGHE UNA POSIZIONE CHIARA

Scritto da (federcaccia), mercoledì 1 agosto 2012 10:45:42

Ultimo aggiornamento mercoledì 1 agosto 2012 10:45:42

Non sembrano placarsi le polemiche attorno al prelievo in Deroga.
Non è bastata la risposta data dalle Associazioni Venatorie riunite in Face Italia, sottoscritta dal coordinatore Gian Luca Dall'Olio alla recente nota inviata al nostro Governo dal Commissario all'Ambiente UE Janez Potočnik con la quale si vogliono trarre per l'Italia conclusioni che non rispondono ad un'applicazione della Direttiva in linea con quanto avviene in altri Stati e che vanno a colpire soprattutto regioni come la Lombardia e il Veneto, dove certe forme di caccia sono maggiormente radicate.
Ancora una volta, anche per rispondere a chi minaccia infrazioni e conseguenti sanzioni da parte di un'Europa "contraria alle Deroghe", ricordiamo che è proprio l'articolo 9 della Direttiva Uccelli (2009/147/CE) che consente la caccia in deroga.
Inoltre, come bene è stato messo in evidenza nella lettera di Face Italia, la posizione assunta dalle Regioni maggiormente interessate al cosiddetto "prelievo in deroga" è quello della regolamentazione di un prelievo che la CJCE considera a tutti gli effetti venatorio (vedi per tutte la sentenza C-60/05 p. 41), ovviamente al di fuori di quello normale (art. 7 Dir. 2009/147/CE), purché lo stesso sia per specie definite, in piccola quantità, con mezzi selettivi e a condizioni rigidamente controllate.
Non consentire l'esercizio del prelievo in Deroga in Italia non risponderebbe a quella corretta, serena e imparziale applicazione della Direttiva che avviene, invece, negli altri Stati dell'UE (vedi sentenza C-344/03 p. 44).
Una vera e propria discriminazione, che lo Stato Italiano e le Regioni non devono assolutamente accettare anche in ragione di quei "benefici significativi dal punto di vista sociale, culturale, economico e ambientale in varie regioni dell'Unione europea" dei quali, come ricordato dalla Guida interpretativa della stessa Direttiva Uccelli, la caccia è portatrice.
Supportando le legittime richieste dei cacciatori e delle Regioni, la Federazione Italiana della Caccia metterà a disposizione degli Assessorati e degli Uffici Caccia interessati i tecnici e le strutture necessarie a supportare le richieste di prelievo in Deroga relative alle diverse specie in interesse, così come è al fianco di tutte quelle Regioni che nel pieno rispetto della Direttiva ne hanno deliberato l'applicazione nella prossima stagione venatoria.

Roma, 1 agosto 2012 - Ufficio Avifauna Migratoria FIdC

Aggiungi ai preferiti Trasforma questa pagina in PDF Stampa questa pagina Segnala via e-mail
Condividi:
fb-like
g-plus

Questo articolo è stato letto 1677 volte.

Nuovo Commento

La redazione di Federcaccia Salerno non pubblicherà commenti contenenti espressioni irriguardose e volgari, assumendosi, altresì, la facoltà di intervenire, con modifiche o tagli, su singole parti dei commenti, qualora contengano accuse generiche e prive di contraddittorio, messaggi violenti o incitamenti alla violenza, insulti gratuiti, frasi blasfeme o di stampo razzistico. In nessun caso verrà pubblicato il tuo indirizzo email. Qualora tu non sia un utente registrato, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione prima di essere pubblicato. Se, invece, sei un utente registrato, il tuo commento sarà pubblicato immediatamente salvo successivi controlli.

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati nell'ambito della nostra banca dati elettronica e/o cartacea nel rispetto di quanto stabilito dalla norma citata. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato per fornirLe il servizio informativo richiesto. Il mancato conferimento dei dati obbligatori implica l'impossibilità di risponderLe in maniera esauriente e/o corretta. I suoi dati saranno trattati dai nostri addetti e saranno cancellati al termine della stagione relativa al suo interessamento a meno di modifiche nel rapporto tra le parti. In relazione al trattamento in parola potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 della legge citata; titolare del trattamento è:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.