Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

tu sei qui: AttualitàFEDERCACCIA E GOVERNO CONCORDI SUL VALORE DEI PARERI ISPRA

Ultimo aggiornamento 54 giorni fa sabato 31 ottobre 2020 11:36

english italiano

La nota dell’Ufficio Avifauna Migratoria di federcaccia

FEDERCACCIA E GOVERNO CONCORDI SUL VALORE DEI PARERI ISPRA

Delucidazioni in merito alle cacce in deroga

Scritto da (federcaccia), mercoledì 20 giugno 2012 14:28:31

Ultimo aggiornamento venerdì 29 giugno 2012 16:27:08

Il Governo risponde all'interrogazione parlamentare in merito al valore dei pareri ISPRA allineandosi alla Federcaccia. Come è ben noto - la notizia è apparsa ed è stata variamente commentata su molti siti dedicati all'argomento caccia - il sottosegretario di Stato per le politiche agricole, alimentari e forestali, Franco Braga ha risposto a nome del Governo a una interrogazione parlamentare depositata dal deputato del Pd Sandro Brandolini assieme ad altri deputati del suo stesso partito, il 13 settembre di un anno fa. Nell'interrogazione, lo ricordiamo brevemente, si chiedevano delucidazioni in merito alle cacce in deroga, al comportamento tenuto in proposito dall'ISPRA e al valore dei pareri emessi dell'Istituto su questo specifico tema. In particolare, l'interrogazione chiedeva conto di quanto affermato in un verbale relativo all'incontro svoltosi in data 5 luglio 2011 fra la struttura di missione per le procedure di infrazione ed i servizi della direzione generale ambiente della Commissione Europea, successivamente inviato al Ministero dell'ambiente, all'ISPRA, al MIPAF, a diverse Regioni e, per conoscenza, alla Presidenza del Consiglio dei ministri, al Ministero degli affari esteri ed al Rappresentante permanente d'Italia presso l'Unione Europea. Nel verbale in questione, la direttrice per la «natura, la biodiversità ed i suoli» della Commissione Europea, Pia Bucella affermava che «ad avviso della Commissione i pareri rilasciati da ISPRA sui provvedimenti regionali in materia di caccia (in deroga) devono considerarsi obbligatori e che le Regioni debbono necessariamente uniformarsi». Ad un anno circa di distanza, il Governo ha finalmente risposto che "circa il parere fornito dall'Ispra per l'adozione, da parte delle Regioni, delle delibere di deroga evidenzio che, come del resto si evince dalla semplice lettura della normativa di riferimento (legge n. 157 del 1992 e n. 221 del 2002), la sua acquisizione è sicuramente da intendersi obbligatoria, ma non vincolante. Ciò trae conferma, peraltro, anche da una serie di recenti sentenze dei Tribunali Amministrativi Regionali che si sono pronunciati in tal senso in occasione di alcuni ricorsi in materia di deroghe. Infatti, considerato che ai sensi dell'articolo 7 della legge n. 157 del 1992 tale Istituto è un organo scientifico e tecnico di ricerca e consulenza per lo Stato, le Regioni e le Province, non può di certo sostituire le Amministrazioni nel compimento delle proprie scelte in materia di caccia, ma solo supportarle sotto il profilo squisitamente tecnico. Peraltro, il parere reso da tale organo sul calendario venatorio potrebbe essere, in linea di principio, anche disatteso dall'Amministrazione regionale la quale, tuttavia, è tenuta ad esprimere le pertinenti motivazioni". Si vede così confermata, crediamo adesso senza possibilità di interpretazioni di parte più o meno fantasiose, la tesi evidenziata sin da subito dalla nostra Federazione, che sulla questione si era immediatamente attivata, chiedendo un chiarimento direttamente alla dott.ssa Pia Bucella. Quello che ci preme sottolineare non è però il fatto che la nostra posizione, non da tutti condivisa, fosse allora, così come oggi quella corretta. L'importante è che si sia stabilito un principio chiaro e fondamentale. Su questo e su altri aspetti altrettanto degni di nota della risposta del sottosegretario Braga il nostro Ufficio Avifauna ha già fatto le sue considerazioni, che abbiamo provveduto a far pervenire a tutti gli assessorati regionali e agli uffici competenti in materia.

Aggiungi ai preferiti Trasforma questa pagina in PDF Stampa questa pagina Segnala via e-mail
Condividi:
fb-like
g-plus

Questo articolo è stato letto 1913 volte.

Nuovo Commento

La redazione di Federcaccia Salerno non pubblicherà commenti contenenti espressioni irriguardose e volgari, assumendosi, altresì, la facoltà di intervenire, con modifiche o tagli, su singole parti dei commenti, qualora contengano accuse generiche e prive di contraddittorio, messaggi violenti o incitamenti alla violenza, insulti gratuiti, frasi blasfeme o di stampo razzistico. In nessun caso verrà pubblicato il tuo indirizzo email. Qualora tu non sia un utente registrato, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione prima di essere pubblicato. Se, invece, sei un utente registrato, il tuo commento sarà pubblicato immediatamente salvo successivi controlli.

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati nell'ambito della nostra banca dati elettronica e/o cartacea nel rispetto di quanto stabilito dalla norma citata. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato per fornirLe il servizio informativo richiesto. Il mancato conferimento dei dati obbligatori implica l'impossibilità di risponderLe in maniera esauriente e/o corretta. I suoi dati saranno trattati dai nostri addetti e saranno cancellati al termine della stagione relativa al suo interessamento a meno di modifiche nel rapporto tra le parti. In relazione al trattamento in parola potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 della legge citata; titolare del trattamento è:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.