Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

tu sei qui: AttualitàCalendario Venatorio: ricorso ad opponendum

Ultimo aggiornamento 237 giorni fa sabato 15 agosto 2020 06:19

english italiano

Ricorso di Federcaccia Campania

Calendario Venatorio: ricorso ad opponendum

Scritto da (federcaccia), mercoledì 18 settembre 2013 11:13:47

Ultimo aggiornamento mercoledì 18 settembre 2013 11:13:47

Entro fine settimana sarà depositato il ricorso ad opponendum di quello del WWF avverso il Calendario Venatorio per la Camera di Consiglio del 26 p.v. La Federcaccia Campania, ha dato mandato a procedere all' Avv. Modesto Bianco. La storia, purtroppo, si ripete e tra idiosincrasie giuridico-amministrative della Regione, pervicacia ostruzionistica che prescinde dal merito e dal dialogo costruttivo con i pseudoambientalisti, il popolo dei cacciatori campani vive il perenne dilemma dell'incertezza sulla possibilità di esercitare l'attività venatoria. "Il ricorso del WWF si dimostra inammissibile e infondato - sostiene l'avv. Bianco - dato che il CTFVR, in qualità di organo consultivo che si esprime attraverso proposte di ordine generale su indirizzi politici e programmatici in materia faunistico-venatoria ha regolarmente formulato il suo parere sul calendario 2013/14 fin dalla seduta del 18 aprile 2013. Risulta altresì infondata -continua il legale incaricato- la doglianza circa la disattenzione del parere sfavorevole dell'ISPRA avendo fornito valide documentazione a supporto delle scelte operate. Infine è caduta l'eccezione di incostituzionalità dell'art.36 L.26/2012 con l'approvazione della L.12 del 06/09/2013 Dobbiamo, purtroppo, rimarcare che nonostante l'avvenuta pubblicazione della legge regionale 26/2012 sulla programmazione e gestione dell'attività faunistico-venatoria in Campania, permane lo stato di "confusione permanente La presentazione della proposta di legge "Riorganizzazione delle aree protette e siti Rete Natura 2000", conferma,ancora una volta, la poca voglia di ascoltare le associazioni venatorie ed i cacciatori. E, intanto, si continua a legiferare (o, almeno, a tentare di legiferare) in spregio di qualsiasi regola democratica : la condivisione con i soggetti cittadini direttamente e indirettamente portatori di interessi e diritti. E' il caso del disegno di legge regionale sulle aree protette che, nell'indifferenza totale ai nostri appelli al dialogo ed alla condivisione, è stato già presentato in sede di Consiglio Regionale. La Federcaccia, comunque, è già attiva sul territorio e nelle sedi istituzionali competenti per evitare sopraffazioni e soprusi ai diritti dei cacciatori. "Permane in Campania - evidenzia il Presidente Buglione - questo strano andazzo "stop and go", dove alle normative quadro faticosamente approvate (Legge Reg 2672012 e L.R. 12/2013) che, finalmente, cercano di dare un quadro organico alla disciplina faunistico-venatoria, seguono provvedimenti amministrativi e regolamentari, nonché nuovi disegni legge che vanno nel segno opposto. La Federcaccia Campania ribadisce il suo appello alle istituzioni regionali : dialogare e condividere - aggiunge Buglione - con le parti sociali interessate la legiferazione, la regolamentazione faunistico venatoria e la tutela ambientale. Solo in tal modo si potrà guardare ad un futuro migliore rispettoso dei diritti e dei doveri di tutti : istituzioni pubbliche, cacciatori, ambientalisti, agricoltori, cittadini.

Aggiungi ai preferiti Trasforma questa pagina in PDF Stampa questa pagina Segnala via e-mail
Condividi:
fb-like
g-plus

Questo articolo è stato letto 1719 volte.

Nuovo Commento

La redazione di Federcaccia Salerno non pubblicherà commenti contenenti espressioni irriguardose e volgari, assumendosi, altresì, la facoltà di intervenire, con modifiche o tagli, su singole parti dei commenti, qualora contengano accuse generiche e prive di contraddittorio, messaggi violenti o incitamenti alla violenza, insulti gratuiti, frasi blasfeme o di stampo razzistico. In nessun caso verrà pubblicato il tuo indirizzo email. Qualora tu non sia un utente registrato, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione prima di essere pubblicato. Se, invece, sei un utente registrato, il tuo commento sarà pubblicato immediatamente salvo successivi controlli.

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati nell'ambito della nostra banca dati elettronica e/o cartacea nel rispetto di quanto stabilito dalla norma citata. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato per fornirLe il servizio informativo richiesto. Il mancato conferimento dei dati obbligatori implica l'impossibilità di risponderLe in maniera esauriente e/o corretta. I suoi dati saranno trattati dai nostri addetti e saranno cancellati al termine della stagione relativa al suo interessamento a meno di modifiche nel rapporto tra le parti. In relazione al trattamento in parola potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 della legge citata; titolare del trattamento è:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.