Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

tu sei qui: AttualitàCACCIA IL GOVERNO IMPUGNA LE LEGGI DI CAMPANIA E FRIULI

Ultimo aggiornamento 228 giorni fa mercoledì 5 agosto 2020 21:29

english italiano

No all'impugnativa della legge della Regione Marche

CACCIA, IL GOVERNO IMPUGNA LE LEGGI DI CAMPANIA E FRIULI

Impugnato dinanzi alla Corte Costituzionale

Scritto da (federcaccia), lunedì 8 ottobre 2012 12:22:34

Ultimo aggiornamento lunedì 8 ottobre 2012 12:22:34

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro affari regionali, turismo e sport, ha impugnato dinanzi alla Corte Costituzionale 13 leggi regionali, tra queste ancora una volta due riguardano l'attività venatoria. Si tratta della legge della Regione Campania n. 26 del 9/08/2012 "Norme per la protezione della fauna selvatica e disciplina dell'attività venatoria in Campania" «In quanto - dice il governo - contiene disposizioni in materia di attività venatoria in contrasto con l'art. 117, secondo comma, lett. s), della Costituzione che riserva allo Stato la materia della tutela dell'ambiente e dell'ecosistema».. L'altra nel mirino dell'esecutivo nazionale è a legge Regione Friuli Venezia Giulia n. 15 del 9/08/2012 "Disposizioni per l'adempimento degli obblighi della Regione Friuli Venezia Giulia derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee. Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno e adeguamento alla direttiva 2009/147/CE concernente la conservazione degli uccelli selvatici e alla direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche. Modifiche a leggi regionali in materia di attività commerciali, di somministrazione di alimenti e bevande e di gestione faunistico-venatoria (Legge comunitaria 2010)" «In quanto contiene disposizioni in materia di attività venatoria in contrasto con l'art. 117, secondo comma, lett. s), della Costituzione che riserva allo Stato la materia della tutela dell'ambiente e dell'ecosistema».

Il Consiglio dei Ministri ha invece deliberato la rinuncia totale all'impugnativa della legge della Regione Marche n. 7 del 10/04/2012 recante "Ulteriori modifiche alla Legge Regionale 5 gennaio 1995, n. 7 recante norme per la protezione della fauna selvatica e per la tutela dell'equilibrio ambientale e disciplina dell'attività venatoria" «La rinuncia è stata deliberata a seguito dell'intervenuta modifica di norme regionali precedentemente impugnate».

Aggiungi ai preferiti Trasforma questa pagina in PDF Stampa questa pagina Segnala via e-mail
Condividi:
fb-like
g-plus

Questo articolo è stato letto 1772 volte.

Nuovo Commento

La redazione di Federcaccia Salerno non pubblicherà commenti contenenti espressioni irriguardose e volgari, assumendosi, altresì, la facoltà di intervenire, con modifiche o tagli, su singole parti dei commenti, qualora contengano accuse generiche e prive di contraddittorio, messaggi violenti o incitamenti alla violenza, insulti gratuiti, frasi blasfeme o di stampo razzistico. In nessun caso verrà pubblicato il tuo indirizzo email. Qualora tu non sia un utente registrato, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione prima di essere pubblicato. Se, invece, sei un utente registrato, il tuo commento sarà pubblicato immediatamente salvo successivi controlli.

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati nell'ambito della nostra banca dati elettronica e/o cartacea nel rispetto di quanto stabilito dalla norma citata. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato per fornirLe il servizio informativo richiesto. Il mancato conferimento dei dati obbligatori implica l'impossibilità di risponderLe in maniera esauriente e/o corretta. I suoi dati saranno trattati dai nostri addetti e saranno cancellati al termine della stagione relativa al suo interessamento a meno di modifiche nel rapporto tra le parti. In relazione al trattamento in parola potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 della legge citata; titolare del trattamento è:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.