Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

tu sei qui: AttualitàANUU MIGRATORISTI E F.I.d.C.: SIGLATO STORICO PROTOCOLLO D'INTESA

Ultimo aggiornamento 53 giorni fa venerdì 30 ottobre 2020 01:59

english italiano

COMUNICATO STAMPA

ANUU MIGRATORISTI E F.I.d.C.: SIGLATO STORICO PROTOCOLLO D'INTESA

Scritto da (federcaccia), venerdì 7 settembre 2012 17:03:10

Ultimo aggiornamento venerdì 7 settembre 2012 17:07:45

VIA AL PROGETTO PER LA NUOVA ASSOCIAZIONE UNICA E APERTA
Il Presidente dell'ANUU Migratoristi Marco Castellani e il Presidente di F.I.d.C. Gian Luca Dall'Olio, su mandato dei rispettivi Organi associativi statutariamente competenti, hanno sottoscritto un Protocollo d'Intesa per definire nel più breve tempo possibile, grazie a uno specifico Gruppo di Lavoro costituito anche da adeguate professionalità tecniche, un progetto che porti a una formale fusione tra le due Associazioni per dare vita a un nuovo e unico soggetto rappresentativo delle rispettive basi sociali, auspicando che tale progetto possa essere condiviso e quindi formalmente partecipato da parte anche delle altre Associazioni venatorie italiane. In questo spirito operativo le due Associazioni continuano la loro attività associativa secondo le linee guida programmate.
Castellani ha in proposito dichiarato: "Da molto tempo l'ANUUMigratoristi sostiene la necessità di un profondo cambiamento nell'organizzazione del mondo venatorio italiano. Reputo questa iniziativa veramente strategica per il futuro della caccia in Italia e sinceramente auspico che vi aderiscano anche tutte le altre Associazioni venatorie, a cominciare da quelle che con noi già fanno parte del Coordinamento di FACE Italia e alle quali tale proposta è già stata avanzata in tale sede, perché così si giungerebbe davvero a una effettiva ricomposizione dell'intero mondo venatorio del nostro Paese nello scenario operativo nazionale ed europeo, in modo moderno ed efficiente e finalmente in grado di affrontare con le adeguate professionalità sfide particolarmente difficili, ma necessarie, soprattutto nel campo della ricerca scientifica e della comunicazione con la società e con le Istituzioni, anche per contrastare, fatti e dati alla mano, le tante strumentalizzazioni e falsità che vengono spacciate nei nostri confronti. Le istituzioni europee, ad ogni livello, ce lo impongono nei vari aspetti come la biodiversità, la ruralità e la ricerca scientifica".
Dall'Olio ha precisato: "F.I.d.C. partecipa con convinzione a questo progetto, certa di trovare in ogni altro soggetto che vorrà aderirvi contributi concreti e positivi per diventare, tutti assieme, uno strumento di promozione e valorizzazione della caccia corrispondente alle esigenze poste dai tempi che viviamo. La nuova Associazione che intendiamo costruire, riunendo tutte le forze e le risorse disponibili, sarà basata su comuni linee operative atte a garantire una gestione corretta e scientifica dell'attività venatoria, implementando le nostre capacità di ricerca in rapporto con il mondo scientifico e quelle di gestione del territorio ai fini del suo miglioramento ambientale in rapporto con il mondo agricolo, nel rispetto delle tradizioni cinegetiche legittime del nostro Paese e di tutte le forme di caccia sostenibili, valorizzandole e promuovendole nel loro complesso con pari dignità e considerazione. Ma, nel frattempo, favoriremo in ogni modo il necessario coordinamento tra le nostre realtà sia a livello nazionale sia a livello territoriale per agevolare, sin da subito, un'azione maggiormente coordinata e unitaria dei rispettivi Dirigenti per il perseguimento dei comuni obiettivi di politica venatoria e gestione agro-ambientale indicati dal Protocollo d'Intesa sottoscritto, che guarda all'Europa per ridare alla CACCIA italiana il suo ruolo che ben si merita".

Aggiungi ai preferiti Trasforma questa pagina in PDF Stampa questa pagina Segnala via e-mail
Condividi:
fb-like
g-plus

Questo articolo è stato letto 3663 volte.

Nuovo Commento

La redazione di Federcaccia Salerno non pubblicherà commenti contenenti espressioni irriguardose e volgari, assumendosi, altresì, la facoltà di intervenire, con modifiche o tagli, su singole parti dei commenti, qualora contengano accuse generiche e prive di contraddittorio, messaggi violenti o incitamenti alla violenza, insulti gratuiti, frasi blasfeme o di stampo razzistico. In nessun caso verrà pubblicato il tuo indirizzo email. Qualora tu non sia un utente registrato, il tuo commento dovrà essere approvato dalla redazione prima di essere pubblicato. Se, invece, sei un utente registrato, il tuo commento sarà pubblicato immediatamente salvo successivi controlli.

Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR 679/2016

La informiamo che i dati da Lei forniti verranno trattati nell'ambito della nostra banca dati elettronica e/o cartacea nel rispetto di quanto stabilito dalla norma citata. Il trattamento dei dati, di cui Le garantiamo la massima riservatezza, è effettuato per fornirLe il servizio informativo richiesto. Il mancato conferimento dei dati obbligatori implica l'impossibilità di risponderLe in maniera esauriente e/o corretta. I suoi dati saranno trattati dai nostri addetti e saranno cancellati al termine della stagione relativa al suo interessamento a meno di modifiche nel rapporto tra le parti. In relazione al trattamento in parola potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 della legge citata; titolare del trattamento è:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.